mercoledì 22 febbraio 2012

le persone non vogliono pagare per un servizio che non vogliono

Ma che bella analisi, pensavo. Fino a giungere al punto focale: "le persone non vogliono pagare per un servizio che non vogliono" Qui però il tutto muore. Cioè invece di chiederersi perché vi sia un aggancio tra il concetto di riscossione tributaria e pagamento, si scivola, vorrei dire al solito, lì dove si mirava invece dall'inizio. Che peccato, poteva essere l'occasione per farci riflettere su come debbano essere finanziati i servizi e se ci sia una relazione tra qualità offerta e diritto di retribuzione, ad esempio. Che peccato, dicevo, invece, tutto per tornare sui soliti triti pensieri che ciò che viene dichiarato in modo esplicito sia percepibile (che scoperta) mentre ciò che viene fatto in modo occulto non sia percepito (neanche come ingiustizia) da loro che non lo percepiscono (di nuovo una mega scoperta....) e concludere che boiardi ed affini siano a favore di tasse bellissime. Le tasse, ormai speravo che la cultura libertariana lo avesse capito, sono come le malattie che i parassiti degli animali domestici ci hanno "donato" nei millenni scorsi e come Jared Diamond ha superbamente descritto hanno consentito alla cultura correntemente dominante di occupare tale posto nella storia. Rinunciare alle malattie, certo chi non vorrebbe, abbattere i parassiti, certo chi non ci prova, il vero problema è rinunciare agli animali domestici e a tutti i vantaggi che una parte degli esseri umani ne ha tratto sia verso l'ambiente che verso altri conspecifici..... Allora si che il "popolo dei tweet" si potrebbe scatenare.
Un Sorriso
Forse potresti seguire l'eventuale dibattito sui commenti del sito
http://libertarianation.org/2012/02/22/canone-rai-ovvero-solo-la-tassa-che-si-vede-e-ingiusta/

venerdì 30 dicembre 2011

Ci manca davvero poco?

Ci vorrebbe un pensiero positivo.
Magari da "ilpiùCattivo"... ma comunque positivo.
Sarebbe troppo facile prendersela con Monti e l'ICI o con il funerale del presidente coreano e photoshop...
Penso che per l'ultimo post di un anno poco prolifico occorrerà invece mettere da parte altre queste considerazioni e lanciarsi in ambiti meno da baraccone.
Ecco vorrei lasciarvi per l'ultimo dell'anno un bel quesito:
Quanti di voi ritengono che non ci siano ulteriori margini per disastri come Fukushima hanno presente la situazione delle centrali nucleari nel mondo?
Ora per quale specie tifate quale successore della nostra come dominatrice dei prossimi millenni?
Ascoltiamo prima qualcuno che di questi argomenti ne parlava tempo fa:


 Un Sorriso

domenica 13 novembre 2011

sabato 17 settembre 2011

1° Giornata Festival della Filosofia 2011 Venerdì 16 pom (Boncinelli - genoma)

.... Ovviamente dal mio modestissimo punto di vista.

Dopo una giornata di lavoro riesco finalmente a raggiungere intorno alle 18 il centro di Carpi.
Noto innanzitutto che il posto dove di solito cerco parcheggio in centro è abbastanza sgombro.
La mia prima impressione (ovvero per chi non ci fosse arrivato che ci fosse un po' di deserto) veniva però immediatamente negata dal fiume di persone che si spostava lungo il corso. Ovviamente si trattava principalmente di ragazzi a passeggio e di persone che erano più che altro attratti dalle vetrine.

Riesco comunque a giungere in tempo per la prima conferenza che avevo segnato nel mio calendario.
Boncinelli in "genoma". Il prof. Boncinelli avevo già avuto l'occasione di ascoltarlo, sempre in Carpi appena un paio di anni fa. Anche qui, vi riporto la mia prima impressione: mi sembra invecchiato.
La piazza Garibaldi è addobbata in modo abbastanza austero, salvo degli enormi diffusori che sembrano più adatti ad un concerto pop, sul palco una tavolone con un paio di sedie e segnaposti più semplici ed "anonimi" possibile. Le poltroncine, in numero piuttosto corposo, sono più nuove (e meno stinte) nelle prime file, quelle dietro dove mi accomodo sono anche un po' disfatte e la sensazione di comodità scompare rapidamente. Dopo una introduzione, sufficientemente tradizionale da lasciarmi sempre il dubbio se poi valga la pena di ascoltarle, il prof. decide per un breve fuori programma (beh per un "attimo" mi è scorso un brivido lungo la schiena, ;-) per affrontare addirittura il tema centrale del festival stesso. Dopo quello che inizialmente poteva sembrare un guanto di sfida a qualche oratore precedente e che invece si limita in un elenco di definizioni decisamente scolastiche, il tema viene finalmente affrontato. Ovvero accenni di storia della scienza e prospettive biologiche. Il punto più convincente è stato nella demitizzazione del genoma stesso. Partendo da una osservazione elementare (quando mangiamo un hamburger mangiamo una "montagna di DNA, quello contenuto nel sancta sanctorum di ogni cellula") e dalla riduzione a testo lineare dello stesso genoma portava la sua osservazione verso i contributi che definiscono l'unicità dell'individuo.  La formuletta finale (che non rende giustizia all'intero discorso, ma giurerei sia quello che è rimasto nella mente di moltissimi ascoltatori) è che il genoma, inteso come punto di partenza ereditario che "consente più che inibisce", conta per circa un 40%, l'ambiente (o cultura o gli altri dieci modi in cui l'ha chiamato) per un altro 30-40% mentre il rimanente 20-30 % spetterebbe a quello che precedentemente aveva introdotto come "caso".
Sinceramente quando è uscito fuori con questo termine mi si sono rizzate le orecchie (i capelli come chi mi conosce può confermare poco possono fare) in quanto ho pensato che forse non essendo presente allo scorso festival (mi sbaglio?) volesse "polemizzare" a distanza con qualcun'altro... Nulla di tutto ciò. Il caso viene a finire nell'essere circoscritto in ciò che per limite della conoscenza o importanza "trascurabile" non sia studiato, noto, metodologicamente definito.
Quello che mi è sfuggito (o forse non c'era) è stato l'aggancio tra questi passi è la "nostra volontà e capacità di intervento".
Lo spazio riservato a domande ed approfondimenti personalmente non mi ha lasciato alcun ricordo....

A presto con le prossime parti.

Un Sorriso

P.S. In realtà alcuni spunti per approfondimento li avrei, ma ritengo che questo post sia già abbastanza ricco.

lunedì 4 luglio 2011

FESTIVAL DELLA FILOSOFIA 2011

Ehi ragazzi.... chi viene al Festival?


Tema di quest'anno

Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra
Genesi, I, 28
---
Il circolo esistente in natura e l’idea del circolo esistente, la quale è pure in Dio, sono una sola e medesima cosa che si spiega mediante attributi diversi
B. Spinoza
Etica
-----

mercoledì 25 maggio 2011

DOVE STA L'INGHIPPO?


Cercando scoprirete ;-)
P.S. io non sopporto la Apple e ciò che rappresenta! Lo spottone finale non è robamia....